27 Mag di italiaptvolley-adm

Attaccante Un ruolo Complesso

Attaccare e ricevere Solitamente gli schiacciatori laterali tendono ad eccellere in uno soltanto dei due compiti principali cui sono preposti. Essendo rarissimi i giocatori in questo ruolo che riescono ad essere molto efficaci sia in attacco che in ricezione, gli allenatori preferiscono solitamente schierare in campo un laterale “specializzato” in ricezione ed uno specializzato in attacco.Soluzioni differenti, infatti, creerebbero uno squilibrio nel gioco e manderebbero a monte la tattica di squadra. Se venissero schierati contemporaneamente ne guadagnerebbe senz’altro l’attacco ma calerebbe il livello della ricezione, rendendo difficile il gioco sui centrali con conseguente perdita della varietà tattica in attacco.Le zone occupate dai giocatori di questo ruolo sono la zona 4 (quando il giocatore si trova in prima linea) e la zona 6 (quando è in seconda linea). Prima dell’introduzione del ruolo del Libero, il laterale in seconda linea stazionava in zona 5, mentre in zona 6 veniva schierato il centrale, che attaccava in Pipe. Poiché il libero non può attaccare, quando è stato introdotto nelle regole di gioco, quasi tutte le squadre hanno spostato il Libero (che solitamente occuperebbe il posto del centrale) in zona 5 e il laterale in zona 6, per poter conservare l’attacco in Pipe.Velocità, peso e potenza sono le componenti fisiche necessarie per la schiacciata.

Un ruolo complesso Per diventare uno schiacciatore si deve mostrare la volontà di diventarlo, schiacciando sia con tenacia che con intelligenza. Deve sempre esistere l’intento di stabilire un “dominio” sulla difesa avversaria. Ad esempio, se il muro avversario è alto, lo schiacciatore deve saper utilizzare questa situazione a proprio vantaggio: guardare se ci sono varchi, cercare un mani e fuori, ricordando sempre che, contro un buon attaccante, un muro commette sempre più errori di quanti punti ottenga, anche se sembra intimidire. Lo schiacciatore non deve mai accettare che ci possa essere un senso di dominio del muro nei suoi confronti.Un attacco non è un’azione ad una sola dimensione, ma è un processo mentale che parte da una predisposizione mentale. Fra il muro e lo schiacciatore esiste una forza di volontà. In essa, la persona che compie l’ultima mossa, di solito vince (ad esempio, una rincorsa dello schiacciatore in parallela, per poi “girare” il colpo in diagonale). Lo schiacciatore che possiede un buon controllo del movimento del polso, può usarlo all’ultimo momento; lo schiacciatore che capisce (“leggendo” la difesa avversaria) quando eseguire un pallonetto, quando “piazzare” il colpo o quando tirare forte, è in vantaggio rispetto al muro avversario.

Per ottenere tutto questo è essenziale il controllo, e questo richiede un’esecuzione perfetta della rincorsa, specialmente per quel che riguarda gli ultimi due passi e la “fase di volo”. Bisogna essere in grado di colpire la palla nell’ambito dei diversi momenti della propria traiettoria di volo; questo viene chiamato “tempo di sospensione”, ed è la capacità di padroneggiare la fase di volo per disporre della miglior struttura temporale per il contatto con la palla. paragrafo

Diitaliaptvolley-adm

Uno Staff di Allenatori Esperti e riconosciuti dalla federazione FIPAV, negli anni hanno avuto notevoli risultati nel mondo della Pallavolo, allenando squadre di alta categoria, uniti per offrire una forte collaborazione con tutte le SOCIETÀ SPORTIVE e categorie fino al campionato di serie A atta al miglioramento Tecnico degli Atleti senza ostacolare le direttive della Società ma collaborando insieme. Un vero confronto costruttivo tra Allenatori mirato ad una crescita personale. Utilizzando la nostra esperienza saremo dei veri Personal Trainer nel mondo della Pallavolo.